Scroll Top

Scenografia e sicurezza: il TNT spunbounded nei concerti

Dal controllo del suono alla sicurezza: il ruolo del tessuto non tessuto nei concerti

È ormai noto a tutti che il TNT è un materiale davvero utile e versatile. Le sue caratteristiche di resistenza, leggerezza e impermeabilità lo rendono perfetto per una serie di applicazioni, che vanno dai tovagliati alla carta da parati, dai panni colorati ai vari usi del mondo del lavoro.

Ma non tutti sanno che il TNT viene usato anche per un mondo che a prima vista può sembrare lontano anni luce: quello dei concerti.

Ebbene sì, noi di Nontex abbiamo collaborato a stretto contatto con le aziende più importanti del settore, per portare il nostro TNT spunbounded colorato sui palchi di tutta Italia, per accompagnare artisti di fama internazionale.

Per poter utilizzare il TNT spunbounded colorato, abbiamo dovuto ottenere l’omologazione da parte del dipartimento dei Vigili del fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile, che sottostà al ministero dell’interno. Il primo atto di omologazione è avvenuto a fine 2013, rinnovato a luglio 2017 con validità fino a fine 2023.
Questa importante certificazione testimonia il fatto che il materiale che produciamo è adatto ai fini della prevenzione incendi e fa parte della classe di reazione 1.

Grazie alla certificazione del nostro tessuto non tessuto, abbiamo avuto l’onore di allestire i concerti di artisti del calibro di:

  • Marco Mengoni
  • Depeche Mode
  • Vasco Rossi
  • Tiziano Ferro
  • The Weekend
  • Coldplay
  • Guns n’ roses

allestendo palchi situati all’interno di location prestigiose quali lo stadio San Siro di Milano, il palazzetto Obi hall di Firenze e il Firenze Rocks, il più grande festival musicale in Italia, che si tiene ogni mese di giugno presso la Visarno Arena di Firenze.

Per cosa viene usato il TNT nei concerti

I concerti sono eventi che coinvolgono una grande quantità di persone, in spazi all’aperto o in ampi luoghi chiusi. Durante tali eventi, l’uso del tessuto non tessuto ha dimostrato di essere una soluzione altamente efficace e versatile per una serie di applicazioni, che vanno dal controllo del suono all’estetica scenica.

Il tessuto non tessuto viene ampiamente utilizzato per la creazione di elementi scenici e decorativi. Grazie alla sua flessibilità e alla vasta gamma di colori disponibili, offre molteplici possibilità creative per la realizzazione di sfondi, tende, drappeggi e coperture sceniche.

Questi elementi possono trasformare un palco in un’opera d’arte visiva, creando ambientazioni suggestive e coinvolgenti che si adattano al tema o all’atmosfera desiderata per il concerto. Inoltre, il tessuto non tessuto può essere facilmente illuminato con luci colorate o proiettori, aggiungendo un ulteriore livello di spettacolarità e coinvolgimento visivo per il pubblico.

Inoltre, il tessuto non tessuto può essere utilizzato per la creazione di barriere e divisorie, o per creare un dietro le quinte, aiutando a separare diverse aree durante un concerto o un festival musicale. Questo è particolarmente utile per controllare il flusso di persone e per organizzare gli spazi in modo efficiente, garantendo un’esperienza più sicura e fluida per il pubblico.

Le barriere acustiche in tessuto non tessuto possono contribuire a ridurre l’interferenza sonora tra diverse fasi o aree di un evento, consentendo alle diverse performance musicali di coesistere senza interferenze indesiderate.

Un altro uso del TNT nei concerti riguarda il controllo del suono e dell’acustica. Il suono prodotto da un palco o da un sistema di altoparlanti può essere influenzato da molteplici fattori, tra cui l’eco e la dispersione. Il tessuto non tessuto può essere impiegato per creare pannelli fonoassorbenti che contribuiscono a ridurre l’eco e migliorare la qualità del suono all’interno di una location.

Questi pannelli possono essere sospesi o fissati strategicamente attorno al palco o alle aree ad alto impatto acustico, offrendo una migliore esperienza audio sia per gli artisti che per il pubblico.

Le classi di reazione al fuoco

Concludiamo questo articolo spostandosi un attimo sul quadro normativo, descrivendo le reazioni al fuoco dei materiali.

Secondo il DM del 26 giugno 1984, per reazione al fuoco si intende il grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco al quale è sottoposto. Si individuano così 6 classi, numerate dalla 0 alla 5. I materiali di classe 0 non sono combustibili, mentre i materiali di classe 1, quelli di cui fa parte anche il TNT spunbounded colorato prodotto da Nontex ed usato per i concerti, comprendono i materiali combustibili non infiammabili, e pertanto sicurissimi da utilizzare anche durante eventi che radunano decine di migliaia di persone.

WhatsApp
Apri la chat